Pagamento in misura ridotta delle sanzioni pecuniarie al codice della strada

Novità recenti al codice della strada

Per effetto dell’art. 20 c.5-bis della legge 09.08.2013 n. 98, a decorrere dal 21 agosto 2013, per le violazioni al codice della strada per le quali è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria è possibile beneficiare del pagamento in misura ridotta del 30% del minimo fissato dalle singole norme, qualora il pagamento venga effettuato entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notificazione.

La riduzione non si applica quando oltre alla sanzione pecuniaria è prevista l’applicazione della sanzione accessoria della sospensione della patente di guida o della confisca del veicolo.

Qualora la contestazione sia immediata e l’agente accertatore sia munito di idonea apparecchiatura il conducente potrà effettuare il pagamento immediatamente; in tal caso verrà rilasciata al trasgressore una ricevuta della somma riscossa, facendo menzione del pagamento nella copia del verbale consegnato al trasgressore.

A mente del secondo comma dell’art.383 del Regolamento del Codice della Strada, l’accertatore deve fornire al trasgressore ragguagli circa la modalità per addivenire al pagamento in misura ridotta, precisando l’ammontare della somma da pagare, i termini del pagamento, l’ufficio o comando presso il quale questo può essere effettuato ed il numero di conto corrente postale o bancario che può eventualmente essere usato a tale scopo.

Ciò significa che nel verbale notificato al trasgressore dovrà essere indicata specificamente, a pena di nullità, la facoltà di procedere al pagamento nel termine di cinque giorni beneficiando della riduzione del 30% con l’esatta indicazione della somma dovuta.