Case studies, studi recenti, questioni e approfondimenti trattati dallo Studio

  • Danno differenziale e complementare negli infortuni sul lavoro

    Il datore di lavoro è esonerato da responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro del dipendente in virtù dell’assicurazione obbligatoria è derogata in presenza di una responsabilità del datore di lavoro per un reato perseguibile d’ufficio. In tal caso, il risarcimento dovuto dal datore di lavoro è solamente quello che eccede le indennità liquidate dall’Inail (cd. danno differenziale)

  • Cassazione a Sezioni Unite e reato di furto

    Le Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza n. 52117 del 17 luglio 2014 risolvono il contrasto insorto fra le Sezioni semplici in materia di furto in supermercato. La questione torna così all'attenzione della suprema corte.

  • Guida in stato di ebbrezza, sanzioni amministrative e penali

    La guida in stato di ebbrezza comporta la sospensione della patente di guida da tre a sei mesi e una sanzione pecuniaria amministrativa se il valore del tasso alcolemico è compreso fra 0,5 e 0,8 grammi per litro. Si sconfina nel reato penale quando il suddetto valore è ricompreso fra 0,8 e 1,5 grammi per litro con correlata...

  • Costituzione di s.p.a. meno onerosa, azioni a voto multiplo e altre semplificazioni societarie

    Il decreto legislativo n. 91/2014, convertito con modifiche dalla legge n. 116/20014 dello scorso mese di agosto, ha introdotto rilevanti novità e semplificazioni in materia societaria. Tra le principali, la riduzione del capitale minimo necessario alla costituzione di una società per azioni, la semplificazione delle procedure di acquisto da parte della società di beni o crediti dei soci e...

  • Responsabilità dell’appaltatore, del progettista e del direttore dei lavori per carenze progettuali

    Una recente sentenza del Tribunale di Reggio Emilia del 27 giugno 2014 interviene su di un tema che ha una forte rilevanza pratica. Si tratta del caso non infrequente in cui l’opera realizzata dall’appaltatore presenti vizi che trovano la loro ragione in una carente progettazione.

  • La guida spericolata o in stato di alterazione psico-fisica tra dolo e colpa

    Recenti episodi di cronaca giudiziaria tornano a porre l’accento sulla necessità di precisare la distinzione tra dolo e colpa. La fattispecie è quella della guida spericolata o in stato di alterazione psico-fisica seguita dalla causazione di eventi letali.

  • L’esclusione volontaria e legale del socio di s.n.c.

    Nell'ambito delle cause di scioglimento del vincolo sociale limitatamente a un socio di società di persone, s.n.c. in particolare, si pone l'esclusione, contemplata dal codice civile agli articoli 2286, 2287, 2288. Essa produce i propri effetti indipendentemente dalla volontà del socio escluso ed anche contro di essa.

  • Nullità della procura a vendere e patto commissorio

    Viola il divieto di patto commissorio la procura a vendere un immobile rilasciata dal debitore a favore del creditore a garanzia dell’adempimento del debito. La nullità del negozio per contrarietà al divieto di patto commissorio è stata ribadita dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 15486 dell’8 luglio 2014.

  • Video sorveglianza nel condominio e privacy dei condomini

    La giurisprudenza è tornata a pronunciarsi su una questione che, con periodicità costante, viene proposta dalla prassi all’attenzione dei giudici: l’installazione di telecamere di videosorveglianza nel condominio e la necessità che tale forma di tutela privata garantisca il diritto alla privacy di tutti i condomini.

  • Social networks: comportamenti da evitare

    La pronuncia n. 16712/2014, pubblicata il 16 aprile scorso dalla prima sezione penale della Corte di Cassazione, pone in evidenza la rilevante potenzialità dei social networks quali mezzi di scambio e diffusione di informazioni e il rischio, nel caso di un uso scorretto degli stessi, di incorrere in illeciti, anche penali.

  • L’azienda può essere acquistata per usucapione

    La pronunzia giudiziale ribadisce il convincimento della giurisprudenza circa la possibilità di considerare il complesso aziendale quale entità unitaria. Ai fini della disciplina del possesso e dell’usucapione, dunque, il complesso dei beni organizzati dall’imprenditore per l’esercizio dell’impresa, deve essere considerato quale bene distinto e autonomo rispetto ai singoli componenti aziendali, suscettibile di essere unitariamente posseduto e, nel concorso degli altri...

  • Cattiva manutenzione stradale e risarcimento del danno

    Secondo la Corte, per le strade aperte al traffico, l’ente proprietario (o il concessionario) si trova in una situazione che lo pone in grado di sorvegliare ed eventualmente modificare le condizioni di utilizzo, situazione che dunque integra lo status di custode. Una volta accertato che il fatto dannoso si è verificato a causa di un’anomalia della strada è allora...